Il sentiero Volastra – Riomaggiore (n.532C/n.531) via Groppo – Costa Corniolo

Postato il 21 agosto 2015, in Blog

Volastra 2

Il sentiero in questione è l’unico modo per raggiungere direttamente Riomaggiore partendo da Volastra, senza passare per Manarola, visto il perdurare della chiusura del tratto di Sentiero Azzurro tra Manarola e Riomaggiore, meglio conosciuto in tutto il mondo come “Via dell’Amore”.

La partenza è proprio all’interno del borgo di Volastra, nella parte bassa del paese, dove anticamente si trovavano le stalle che davano riposo e foraggio ai cavalli dei viandanti che percorrevano la via Romea, considerato che “Vicus Oleaster” era una stazione di posta già dall’epoca romana.

Lasciato il paese si scende con una ripida scalinata attraverso terrazzamenti coltivati principalmente ad ulivo, nella valle di “Vistone”, fino ad arrivare ad una fonte di acqua piovana che sgorga all’interno di una nicchia costruita con pietre a secco; su uno di questi sassi di roccia arenaria  è stato scolpito un animale a quattro zampe, simile ad un cinghiale.

Prima che Volastra venisse collegata all’acquedotto comunale, la fontana di “Vistone” era l’unica acqua potabile della zona, a cui gli abitanti attingevano per usi domestici, trasportando il prezioso liquido sulle spalle o sulla testa all’interno di grandi paioli di rame.

Lasciata la valle di “Vistone” si procede sul lato sinistro fino ad arrivare a Groppo (dal germanico “Krupp”: terra coltivata tondeggiante), piccolo insediamento fondato nei pressi dell’omonimo torrente che sfocia a Manarola; attraversato il borgo all’interno dei tipici carugi liguri, si percorre per circa 50 metri la strada carrozzabile con direzione Volastra, fino ad uno stretto tornante, dove ha inizio il sentiero n. 532C  che, con un breve tratto pianeggiante immerso nella macchia mediterranea, raggiunge lo splendido scenario di “Costa Corniolo”.

Il “Corniolo” è la collina che divide Manarola da Riomaggiore, dove si può apprezzare il recupero di numerosi terrazzamenti con impianto di nuovi vigneti; da qui si gode di una vista mozzafiato su tutta la costa delle Cinque Terre e si può usufruire di piccole aree attrezzate con tavoli e sedie.

Lasciata la “Costa Corniolo”, si procede a sinistra con una vertiginosa discesa verso Riomaggiore, imboccando il sentiero n. 531 che termina nei pressi della stazione ferroviaria del borgo marinaro, dove numerosi treni regionali e battelli raggiungono velocemente gli altri paesi delle Cinque Terre.

 

Lascia un Commento