Blog / Vigneti e Vino

Cinque Terre

La Vernaccia: il primo vino delle Cinque Terre

Postato il 2 dicembre 2018, in Blog

Il vino “Vernaccia”, prodotto nella zona delle Cinque Terre si diffonde ampiamente con grande fortuna nel XIII secolo e la maggior parte degli storici sostiene che a dare il nome a questo vino sia stato l’antico nucleo di Vernazza, imprimendo un marchio d’origine ad un prodotto molto rinomato che prende la via del mare. Difatti il toponimo compare già un secolo prima che si trovi lo stesso nome per indicare il vino.

L’altra ipotesi  è quella che il borgo di Vernazza avrebbe derivato il proprio nome dal vino, essendo l’unico porto abbastanza sicuro nelle Cinque Terre dove poter imbarcare una quantità consistente del prodotto proveniente dalle località limitrofe.

La “Vernaccia” era un vino di gradazione alcolica elevata e pregiato che si poteva assimilare ai vini forti e liquorosi provenienti dalle coste del Mediterraneo orientale, come la malvasia o il moscato; documenti storici attestano infatti  che vasi vinari di “Vernaccia”, furono rinvenuti nelle cantine di Pompei con inciso la dicitura “vinum Corneliae”, cioè di Corniglia, uno dei borghi delle Cinque Terre e il più vicino a Vernazza. (altro…)

SAMSUNG CAMERA PICTURES

Vendemmia 2018: grande raccolto a Volastra!!!

Postato il 18 settembre 2018, in Blog

Anche quest’anno dopo un duro anno di lavoro nelle vigne è arrivato il momento più faticoso e più bello della stagione: la vendemmia.

Nel Parco Nazionale delle Cinque Terre la vendemmia è un evento speciale e spettacolare visto che si svolge in un territorio incredibilmente scenografico, che offre scorci inimitabili sospesi tra cielo e mare.

La caratteristica unica al mondo delle Cinque Terre, è l’utilizzo delle cremagliere per trasportare le pesanti ceste ricolme d’uva dalle fasce terrazzate, distanti centinaia di metri dalla strada carrozzabile.

L’utilizzo di questo sistema meccanico introdotto negli anni 80, ogni anno scatena la curiosità e le fotografie delle migliaia di turisti provenienti da tutto il mondo che percorrono i sentieri vista mare del Parco Nazionale, immersi nei vigneti.

L’annata è stata ottima dal punto di vista climatico, garantendo quindi una grande qualità delle uve.

Abbiamo infatti selezionato una buona quantità di grappoli da mettere ad essiccare che a fine Ottobre vinificheremo per ottenere il mitico Sciacchetrà, vino dolce passito, massima espressione del territorio. (altro…)

SAMSUNG CAMERA PICTURES

Vendemmia 2017: qualità e quantità per il vino DOC 5 Terre

Postato il 8 novembre 2017, in Blog

Quest’anno, a Volastra, nel cuore del Parco Nazionale delle Cinque Terre, la stagione ci ha riservato una splendida esposizione solare e una totale mancanza di precipitazioni da fine Maggio a fine Settembre, che ha garantito una ottimale maturazione delle uve e l’assenza di problematiche connesse alle principali malattie che possono affliggere le vigne e cioè l’oidio e la peronospera.

I nostri vigneti terrazzati, inoltre, essendo, come da tradizione millenaria,  quasi totalmente ancora coltivati con impianto a pergola, “autedo” nel dialetto locale, hanno protetto i grappoli dai forti raggi solari consentendo una maturazione graduale e ottimale e allo stesso tempo fornendo una produzione maggiore rispetto al classico impianto a filare.

Come al solito abbiamo vinificato una parte delle nostre uve bianche di qualità  Bosco, Vermentino e Albarola, nel “Torchio”, la secolare cantina di famiglia e il resto lo abbiamo conferito alla Cantina Sociale delle Cinque Terre, di cui siamo soci fin dal 1982, anno della sua fondazione.

La Cantina Sociale è una struttura estremamente importante per il nostro fraglie e difficile territorio in quanto si occupa della gestione e della manutenzione sia dell’acquedotto irriguo che di tutte le monorotaie a cremagliera, pilastri fondamentali per il mantenimento dell’agricoltura e quindi del territorio all’interno del Parco Nazionale delle Cinque Terre. (altro…)

Uva secca

Il passito delle Cinque Terre: da Rinforzato a Sciacchetrà

Postato il 19 gennaio 2017, in Blog

In tutti i suoi 800 anni di storia, la produzione vinicola delle Cinque Terre è sempre stata rinomata soprattutto per il vino passito, che negli anni ha assunto denominazioni diverse.

Nel XIII secolo è nato come Vernaccia, nel XVI viene citato come vino Amabile, nome che conserva fino XVIII secolo; successivamente nel XIX secolo il nome Amabile diventa sempre più raro a favore dell'appellativo Rinforzato.

L'ultimo appellativo che compare e viene usato tutt'ora è il termine Sciacchetrà, che ha sostituito il termine rinforzato solo nella seconda meta del XX secolo. Per capire meglio i cambiamenti di tale termine, da Amabile a Rinforzato a Sciacchetrà dobbiamo fare più attenzione alle tecniche di vinificazione utilizzate alle Cinque Terre nel XIX secolo.

Infatti, come si capisce anche dagli stessi nomi, si passa da un nome più legato al gusto e alla qualità (Amabile) a nomi che fanno riferimento alle procedure seguite durante la vinificazione. (altro…)

Uva 5 Terre

Vendemmia 2016 : ottima qualità!

Postato il 23 settembre 2016, in Blog

Anche quest’anno la vendemmia del “Vigneto” è stata ottima a livello qualitativo, considerando che la produzione è stata inferiore rispetto al 2015.

I tre mesi di tempo soleggiato senza pioggia ed umidità, che sono trascorsi dalla fine di Giugno a quella di Settembre, hanno consentito una perfetta maturazione delle uve; infatti anche quest’anno siamo riusciti a raccogliere e mettere ad essiccare una buona quantità di uva da Sciacchetrà.

Nei primi due giorni abbiamo provveduto alla raccolta e al trasporto delle uve nella cantina di famiglia utilizzando le “mitiche” monorotaie che consentono di trasportare le ceste di vimini colme di grappoli, dette “corbe”, dalle fasce terrazzate più distanti fino alla strada carrozzabile.

Il terzo e il quarto giorno sono stati dedicati alla lavorazione delle uve nella nostra cantina di famiglia “Il Torchio”, le cui mura di sasso scavate nella roccia, vedono ripetersi il processo della vinificazione da circa un secolo. (altro…)

Corbe su Manarola

La Vendemmia 2015: l’anno perfetto!

Postato il 1 ottobre 2015, in Blog

Anche quest'anno la vendemmia è stato l'atto finale di una stagione particolarmente favorevole per la vigna, visto le eccezionali temperature raggiunte nei mesi estivi associato alla mancanza di precipitazioni che hanno permesso una perfetta maturazione delle uve anche nelle zone meno esposte ai raggi solari.

Finalmente quindi siamo riusciti a mettere ad essicare al sole sulla nostra terrazza una buona quantità di uva da sciacchetrà, visto che nelle ultime 2 stagioni non eravamo riusciti a produrne neanche una bottiglia a causa delle eccessive precipitazioni che avevano rovinato i preziosi grappoli. Se i pronostici verrano rispettati tra circa 3 anni, periodo necessario al suo affinamento, lo sciacchetrà del 2015 sarà uno dei migliori della lunga storia enologica delle Cinque Terre. (altro…)

AFCRO (103)

La Vendemmia di una volta alle Cinque Terre

Postato il 21 giugno 2015, in Blog

Alle Cinque terre la vendemmia, fase finale della lunga e faticosa coltivazione della vite, assumeva contorni epici per l’asperità del territorio; un momento faticosissimo, ma esaltante. Si lavorava un anno intero, si viveva con ciò che si produceva e il poco denaro ricavato dalla vendita del vino.

Per una ventina di giorni i paesi avevano la febbre. Al mattino presto le strade si riempivano di gente di tutte le età. Uomini, donne, giovani ed anche anziani con le paniere e le corbe; tutti verso la campagna, parlando a voce alta, in un’aria di festa. Gli anziani, i nonni nel campo staccavano i grappoli, li pulivano dai marciumi, scartavano quelli non maturi, sceglievano la bianca e la nera, preparavano i carichi. Un lavoro faticoso e noioso che i giovani disdegnavano preferendo andare avanti e indietro con corbe e paniere ben colmi. (altro…)

Posa

Recupero di terrazze agricole alle Cinque Terre

Postato il 17 aprile 2015, in Blog

Con l'avvio della nuova stagione turistica sono stati ultimati i lavori di recupero delle due colline ancora più intensamente coltivate della nostra zona e cioè la costa della Posa e quella di Valle dei Pozzi, dove nei primi anni 80 vennero installate le prime due monorotaie delle Cinque Terre.

Sono due splendide colline che formano un anfiteatro naturale caratterizzato dalle famose terrazze agricole delle Cinque Terre sostenute da centinia di muretti a secco che da un altezza di circa 400 metri sul livello del mare degradano vertiginosamente sino alla costa.

Ci troviamo nel tratto di sentiero 586 che da Volastra raggiunge Case Pianca e che scende poi fino a Corniglia con il sentiero 587. (altro…)

muretti

Muretti e vigne nuove

Postato il 4 febbraio 2015, in Blog

Anche quest’anno, a seguito delle piogge autunnali, alcuni dei muretti a secco che sorreggono  i nostri vigneti sono crollati, rendendosi quindi necessaria la ricostruzione che richiederà il solito grande lavoro manuale per trasportare sul posto i nuovi sassi, utilizzando le monorotaie gestite dalla Cantina 5 Terre, per poi posizionarli utilizzando la tecnica che ci tramandiamo da generazioni.
In particolare, uno di questi muri crollati essendo particolarmente alto, ha provocato la caduta di un grande volume di terra che dovrà essere riportata sul terreno sovrastante utilizzando la mitica “cavagnola”, piccolo cesto di vimini intrecciato a mano che viene riempito di terra o di sassi di piccole e medie dimensioni (“i recausi”), elementi fondamentali per il corretto drenaggio dell’acqua piovana. (altro…)

Torchio e Dalzo

Vendemmia 2014

Postato il 13 novembre 2014, in Blog

Quest’anno la vendemmia si è svolta in anticipo rispetto agli anni passati, a causa dell’eccessiva piovosità estiva che ha causato notevoli problemi di maturazione del grappolo e nei casi più gravi la marcescenza dello stesso.
Quindi quest’anno si è riscontrato un basso tenore zuccherino ed un’alta acidità dell’uva, mentre invece la quantità è stata maggiore dell’anno scorso.
Come al solito abbiamo provveduto a conferire la maggior parte delle uve alla Cantina Sociale del Groppo, mentre 15 quintali li abbiamo trasportati nella nostra cantina “Il Torchio”, in cui abbiamo vinificato per la prima volta dopo il rinnovo del locale.

La vinificazione è avvenuta prima deraspando i grappoli per poi torchiare il mosto dopo solo 24 ore, ottenenedo quindi una fermentazione “in bianco”, cioè senza le bucce. (altro…)