I trenini

Postato il 7 luglio 2013, in Blog

Trenino Volastra

Nel maggio del 1980 nella zona di Volastra e precisamente nelle coste di Vaiposse e della Posa (zona di produzione di un vino DOC selezionato) vengono installati dalla Comunità Montana della Riviera i primi due trenini a monorotaia delle Cinque Terre.
Sono i primi impianti del genere installati in Italia e sono il risultato della ricerca di un mezzo capace di ridurre l’immane fatica del trasporto in una zona completamente priva di strade interpoderali.
Nel passato, durante la vendemmia i paesi delle Cinque Terre venivano invasi dai “camalli” (portatori di uva); la loro opera era essenziale per concludere la vendemmia in tempi ragionevoli e per dividere la fatica dovuta alla totale assenza di strade carrozzabili nella zona.La costruzione della strada Manarola – Groppo – Volastra alleviò gran parte della fatica del trasporto dell’uva da lunghe distanze, sostituendo gli uomini-mulo con i mezzi meccanici, ma restava il problema del trasporto dell’uva dai cian (“terrazzamenti”) ubicati in zona bassa o alta rispetto alla strada, che purtroppo continuava ad essere fatto a spalla.

Si consideri che per trasportare in spalla una corba colma d’uva dai cian della costa di Vaipusse o della Posa, ancora oggi una delle zone più pregiate e produttive delle Cinque Terre, fino alle cantine di Volastra, i “camalli” dovevano salire per ripide scalette per quasi duecento metri, fermandosi almeno tre volte per riprendere fiato, appoggiando la corba sulla “pusella” (muro di sasso sufficientemente alto).
Il professor Celsi Stelvio della Comunità Montana della Riviera venne informato, durante un Convegno sulle viticolture che si tenne a Saint-Vincent (Valle d’Aosta) nel 1978, da un viticoltore valtellinese, che in Svizzera esistevano delle monorotaie adatte al trasporto in terreni con forte pendenza.
Fu così che la ditta Habegger di Thun venne ad installare i primi trenini alle Cinque Terre.
Il sistema è costituito da una cremagliera sostenuta da pali infissi nel terreno su cui corre una motrice con un potente motore a scoppio da sette cavalli, che ospita il guidatore, con al traino alcuni vagoncini a pianale destinati ad ospitare le merci.
I trenini superano pendenze superiori al 100% con una portata di 300 kg , guidatore compreso ed una lunghezza che può arrivare fino a 1000 metri.
Attualmente nelle Cinque Terre sono in funzione oltre 50 impianti.

 

Lascia un Commento