scroll_to_top.svg

Il sentiero n. 531: da Riomaggiore a Manarola via Beccara

Prima che fosse costruita la strada statale litoranea delle Cinque Terre negli anni settanta e prima ancora che arrivassero la ferrovia Genova – La Spezia, inaugurata nel 1874, e la via dell’Amore, scavata nella roccia a strapiombo sul mare tra il 1926 e il 1928, Riomaggiore e Manarola, splendidi borghi del Parco Nazionale delle Cinque Terre, erano collegate unicamente da un sentiero breve ma con pendenze notevoli, che costringeva i paesani a scalare il monte Corniolo, che separa i due paesi.

Il Parco Nazionale delle Cinque Terre, effettuando un importante recupero ambientale e produttivo, consistito nell’impianto di nuovi vigneti, ha ripristinato questo antico percorso marcato nella rete sentieristica con il numero 531.

Il sentiero, detto anche “della Beccara”, con un tempo di percorrenza di circa 1 ora e mezza, parte da Riomaggiore in via Telemaco Signorini, nei pressi della stazione ferroviaria, risale il torrente Rio Finale per poi attraversarlo con un piccolo ponte in sasso ed affrontare la ripida scalata verso il monte Corniolo.

La scalinata va ad affacciarsi sulle pareti a strapiombo che sovrastano la via dell’Amore e danno accesso alle grotte di don Fresco, celle di meditazione che all’inizio del secolo scorso, un sacerdote di Riomaggiore, don Andrea Fresco, scavò a colpi di scalpello ornandole di simboli sacri.

Arrivati sulla sommità del monte si attraversano nuovi vigneti e orti sperimentali impiantati dal Parco Nazionale delle Cinque Terre ed ora gestiti da privati locali; qui l’escursionista viene appagato dalla fatica della salita, con un panorama fantastico che nelle notti di dicembre e gennaio è impreziosito dal grandioso Presepe di Manarola, illuminato da 15 mila lampadine, allestito sulla collina delle Croci dal pensionato manarolese Mario Andreoli.

Lasciata la sommità a 249 metri s.l.m. il sentiero comincia a scendere verso Manarola attraversando vecchi terrazzamenti di vigneti, ormai abbandonati, sorretti da muretti a secco centenari e biforcandosi raggiunge il paese: a destra verso la piazza della Chiesa, a sinistra verso la Marina, passando per la Casa Rossa che fu tanto cara al celebre pittore Antonio Discovolo.

Visto il perdurare della chiusura della via dell’Amore a causa della mancanza di fondi per la messa in sicurezza del breve tragitto che costeggiando il mare in soli 20 minuti collega Riomaggiore con Manarola, ad oggi il sentiero 531 è l’unica via che unisce i due paesi senza utilizzare il treno, l’auto o il battello

Scopri anche

23 Ottobre 2020

L’antico borgo di Lemmen a Riomaggiore

scopri

7 Ottobre 2020

Agricoltura alle Cinque Terre: l’uomo e la natura.

scopri

21 Aprile 2020

Monterosso: poeti, limoni e acciughe

scopri

22 Marzo 2020

Le spiagge delle Cinque Terre

scopri

24 Novembre 2019

Manarola: il borgo verticale

scopri

18 Settembre 2019

1919 – 2019 la vendemmia del centenario a Volastra

scopri

12 Aprile 2019

Il sentiero SVA tra Monterosso e Levanto

scopri

2 Dicembre 2018

La vernaccia: il primo vino delle Cinque Terre

scopri

18 Settembre 2018

Vendemmia 2018: grande raccolto a Volastra!!!

scopri

1 Maggio 2018

Il sentiero n. 531: da Riomaggiore a Manarola via Beccara

scopri

8 Novembre 2017

Vendemmia 2017: qualità e quantità per il vino DOC 5 Terre

scopri

12 Agosto 2017

Il sentiero n. 536 per Monesteroli: la scala per il paradiso

scopri

14 Marzo 2017

Il sentiero 509: Monterosso – Soviore

scopri

19 Gennaio 2017

Il passito delle Cinque Terre: da Rinforzato a Sciacchetrà

scopri

14 Gennaio 2017

La Ciclopedonale Maremonti: da Levanto a Framura

scopri

19 Novembre 2016

Da Monterosso a Vernazza passando per i santuari

scopri

23 Settembre 2016

Vendemmia 2016 : ottima qualità!

scopri

1 Maggio 2016

Il sentiero n. 530 – Da Volastra al Telegrafo

scopri

9 Dicembre 2015

Il sentiero n. 507 da San Bernardino a Vernazza

scopri

1 Ottobre 2015

La Vendemmia 2015: l’anno perfetto!

scopri

Vedi tutti
gli altri articoli