scroll_to_top.svg

Il Torchio

La nostra cantina “Il Torchio” è da oltre cento anni il luogo di produzione e conservazione del vino di famiglia e qualche mese fa abbiamo deciso di ristrutturarla per renderla maggiormente accogliente e funzionale.
Logicamente i lavori sono stati eseguiti mantenendo la struttura originaria e dando maggiore risalto ai muri di sasso appoggiati direttamente sulla roccia che garantiscono una temperatura ed un’umidità costante, elementi fondamentali per conservazione del nostro vino.
L’elemento di spicco è il veccchio torchio, che ancora oggi utilizziamo per la vinificazione.
Esso è costituito da una base in sasso lavorato a mano, al centro della quale è murata una vite in ferro sulla cui sommità è posta una grande madrevite, detta “chiocciola”, formata da un disco di ferro con buchi lungo la circonferenza, all’interno dei quali trova alloggio un “saltarello” a base triangolare.Il “saltarello” consente alla “chiocciola” di avvitarsi o svitarsi lungo la vite centrale con il movimento di vai e vieni dato con un’asta in castagno antichissima, come si può capire dall’usura che presenta.
Sul basamento, all’interno della scanalatura dove scorre il mosto, c’è una gabbia cilindrica costituita da due parti in doghe di legno unite da sei chiavi di ferro (tre per parte), dove vengono messe le vinacce per la spremitura.
Ci sono poi due botti in legno che ancora utilizziamo per il vino rosso e per lo Sciacchetrà, mentre per il vino bianco Cinque Terre DOC utilizziamo una botte di acciaio da 1000 litri.
Lo Sciacchetrà, dopo circa 1 anno e mezzo dalla vendemmia, provvediamo ad imbottigliarlo e a posizionarlo sui mensoloni di legno dove rimarrà per almeno 4/5 anni, periodo minimo richiesto per un ottimo affinamento, anche se, con vendemmie di qualità e con un buon tappo di sughero, si possono trovare ottimi Sciacchetrà anche di 10/15 anni.
I clienti del Vigneto potranno visitare “Il Torchio” e ricevere tutte le informazioni a riguardo della coltivazione della vite e della vinificazione, cioè dal campo fino alla cantina, oltre che naturalmente potere assaggiare il “mitico” vino bianco delle Cinque Terre.
Vi aspettiamo!!!

Scopri anche

23 Ottobre 2020

L’antico borgo di Lemmen a Riomaggiore

scopri

7 Ottobre 2020

Agricoltura alle Cinque Terre: l’uomo e la natura.

scopri

21 Aprile 2020

Monterosso: poeti, limoni e acciughe

scopri

22 Marzo 2020

Le spiagge delle Cinque Terre

scopri

24 Novembre 2019

Manarola: il borgo verticale

scopri

18 Settembre 2019

1919 – 2019 la vendemmia del centenario a Volastra

scopri

12 Aprile 2019

Il sentiero SVA tra Monterosso e Levanto

scopri

2 Dicembre 2018

La vernaccia: il primo vino delle Cinque Terre

scopri

18 Settembre 2018

Vendemmia 2018: grande raccolto a Volastra!!!

scopri

1 Maggio 2018

Il sentiero n. 531: da Riomaggiore a Manarola via Beccara

scopri

8 Novembre 2017

Vendemmia 2017: qualità e quantità per il vino DOC 5 Terre

scopri

12 Agosto 2017

Il sentiero n. 536 per Monesteroli: la scala per il paradiso

scopri

14 Marzo 2017

Il sentiero 509: Monterosso – Soviore

scopri

19 Gennaio 2017

Il passito delle Cinque Terre: da Rinforzato a Sciacchetrà

scopri

14 Gennaio 2017

La Ciclopedonale Maremonti: da Levanto a Framura

scopri

19 Novembre 2016

Da Monterosso a Vernazza passando per i santuari

scopri

23 Settembre 2016

Vendemmia 2016 : ottima qualità!

scopri

1 Maggio 2016

Il sentiero n. 530 – Da Volastra al Telegrafo

scopri

9 Dicembre 2015

Il sentiero n. 507 da San Bernardino a Vernazza

scopri

1 Ottobre 2015

La Vendemmia 2015: l’anno perfetto!

scopri

Vedi tutti
gli altri articoli